Il Museum of Childhood Ireland Project è stato fondato nel 2016 a Co Dublin, in Irlanda, come museo di storia sociale e dell’infanzia, sviluppandosi sull’isola di Irlanda e nella diaspora.

Per tutto il 2017, il Museo ha sviluppato sottogruppi in cinque aree principali: istruzione, storia, cultura/patrimonio, diritti dei bambini e la voce del bambino. Questi gruppi, guidati da esperti in ciascun settore, hanno approfondito politiche e strategie per l’implementazione del progetto, oltre che collaborare nei giorni degli eventi e nelle mostre su questi temi. Il museo si concentra su mostre frequenti, sia interne che itineranti.

Lo scopo è quello di collezionare ed esporre una raccolta di manufatti storico-culturali in modo completamente interattivo, con la speranza di mettere insieme storie ed esperienze di bambini di altre epoche e ambienti. I manufatti delle collezioni permanenti e delle mostre vengono supportati da frequenti esposizioni temporanee e da programmi relativi ad eventi interattivi con opportunità di apprendimento.

Il principale desiderio dell’istituzione museale consiste proprio nel pieno coinvolgimento di bambini e adulti in queste attività, sviluppando così il senso di museo quale fonte informale capace di ispirare tutti i suoi fruitori in un viaggio di gioco e di apprendimento per la vita. Il Project 2020/TOGETHER, LE CHÉILE è stato creato per lasciare un segno nel collegare le esperienze dei bambini di tutto il mondo durante la pandemia di Covid-19.

“Project 2020/TOGETHER, LE CHÉILE ci consente di ascoltare i nostri figli e, nel farlo, di apprendere e comprendere la loro prospettiva”, afferma Ekaterina Tikhoniouk del progetto MCI, Direttrice dei social media. “Speriamo di fornire ai bambini in Irlanda e nel mondo strumenti che li aiutino a dare un senso alla pandemia dal loro punto di vista”, continua la Direttrice del progetto Museum of Childhood Ireland, Majella McAllister.

In questo momento strano e terrificante, il benessere e la salute mentale di tutti i nostri bambini è di enorme importanza per noi.

Il Museum of Childhood Ireland Project intende così offrire un luogo di scambio per i bambini di tutte le età, dove possono condividere le loro speranze, paure, pensieri e osservazioni; insieme a un senso di comunità e unità attraverso le loro opere d’arte, evidenziate attraverso una mostra virtuale su www.museumofchildhood.ie e Social Media. (in seguito una mostra fisica)

Sono stati creati sette temi chiedendo ai bambini in Irlanda e in tutto il mondo di inviare lavori relativi a un tema indicato: Famiglia/casa, Amici e luoghi di gioco, Luoghi che “mi mancano di più”, Il mio libro preferito, Sport domestici e Come Io sento.

Attraverso questi temi si cerca di scoprire lo stato d’animo dei bambini durante il blocco di fronte a misure restrittive. “Le opere d’arte inviate vengono costantemente caricate sul nostro sito web www.museumofchildhood.ie/project2020/ e social media; stiamo anche lavorando all’organizzazione di mostre fisiche in musei, gallerie e scuole di tutto il mondo”, afferma Valentina Solaris del progetto MCI. Le mostre vengono curate dall’International Art Curator del progetto Museum of Childhood Ireland, Jessica Boffa.

Per partecipare bisognava inviare il contributo dei bambini all’indirizzo di posta elettronica: info@museumofchildhood.ie – All’iniziativa poteva partecipare bambini e ragazzi di età compresa tra 5 e 18 anni. Inoltre, sono stati raccolti anche oggetti materiali relativi all’infanzia durante la pandemia, per le collezioni del museo.

di Jessica Boffa – International Art Curator

sito web: www.museumofchildhood.ie

Pagina Facebook: The Museum of Childhood Ireland Project

Instagram: museumchildhoodireproject