Da non perdere nelle sale cinematografiche e solamente nelle date del 18, 19 e 20 marzo il film-documentario dedicato ad uno degli scultori più amati e conosciuti al mondo: Antonio Canova. Prodotto da Magnitudo Film e distribuito in Italia da Chili, il film fa parte della serie “L’arte al cinema” (si tratta del sesto appuntamento) e racconta la storia e le opere del maestro del Neoclassicismo: dalla fanciullezza nel paese natale di Possagno, agli esordi nella città di Venezia, cha ha visto nascere il talento del giovane scultore. Le vicende partono da Canova fanciullo, quando impara dal nonno scalpellino il mestiere dell’artigiano, fondamentale per la sua arte e la conoscenza e approfondimento con la materia del gesso, sintesi perfetta tra il bozzetto ed il marmo. Quindi si passa a Venezia con l’apertura del suo primo studio, la conoscenza dell’arte veneta e soprattutto delle opere di Tiziano, Tintoretto e Canaletto fino alla consacrazione con Venere e Adone. La perdita di indipendenza della città lagunare porterà Antonio Canova in Francia, Inghilterra, Russia e soprattutto Roma. Grazie alle riprese effettuate con tecnica 8K HDR si potranno ammirare dettagli e particolari delle opere. Saranno le voci narranti di Vittorio Sgarbi, Presidente della Fondazione Canova di Possagno, e Mario Guderzo, Direttore Museo e Gipsoteca Antonio Canova di Possagno, a guidare gli spettatori nel mondo e nella creatività del grande artista veneto.